Web Analytics Il ragazzo del rock: Sting - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

11 novembre 2014

Il ragazzo del rock: Sting

Storia di un genio che adora l'Italia

sting rock

Sting è il nome d’arte di Gordon Matthew Thomas Sumner, nato il 2 ottobre 1951 a Wallsend nell’Inghilterra del Nord. Come Gordon Sumner era insegnante di inglese, ma si esibiva da sempre come voce solista diventando pian piano Sting. Nel 1977 incontrò il batterista Stewart Copeland e il chitarrista Henry Padovani, sostituito poi da Andy Summers, e fondò con loro una delle band rock più famose di tutti i tempi: I Police. Dal loro estro nacquero grandi successi come il brano di debutto Roxanne del 1978 e l’intramontabile e pluripremiato Every Breath You Take. Sincronicity del 1983 è stato l’ultimo album della band. Da allora Sting ha ripreso la carriera da solista duettando con grandi celebrità e spaziando fino al jazz, alla musica medioevale, alla classica e alla New Age.

Il primo album di questo periodo risale al 1985 ed è The Dream of the Blue Turtles (1985), con cui vince tre dischi di platino e non è che la prima di una lunga serie di trionfi come Brand New Day del 1999, con cui ottiene un ennesimo disco di platino nel 2001. In qualsiasi sua sperimentazione Sting riesce a infondere un senso di freschezza che lo caratterizza come il giovane eterno del rock e della musica in genere.

Da molti anni Sting ha acquistato la tenuta Il Palagio sulle colline toscane in provincia di Firenze e produce vino, olio di oliva e miele. Spesso ha dichiarato di amare l’Italia perché è rimasto folgorato dalla pace e dall’atmosfera che vi si respira. Il suo sentimento è ricambiato dalle migliaia di italiani che lo seguono da sempre.

Photo Credit: Scott Ableman




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *