Web Analytics Ritratto di Rita Hayworth, icona di bellezza e stile - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

11 novembre 2014

Ritratto di Rita Hayworth, icona di bellezza e stile

Rita Hayworth nei panni di Gilda fece sognare per la sua bellezza sexy e raffinata.

rita hayworth wikipedia

Una donna bellissima indossa un abito nero di satin, ancheggia sinuosa e si sfila lentamente dei guanti. Questa scena del film Gilda, uscito nel lontano 1946,  immortala una delle donne più amate e desiderate di tutti i tempi che con quell’immagine si impresse nella fantasia erotica di tante generazioni. Rita Hayworth, soprannominata la “Dea dell’amore” era così esplosiva che fu ritratta nei panni di Gilda sulla bomba nucleare Able, testata nell’Oceano Pacifico a Bikini durante l’operazione Crossroads.

Allora aveva 40 anni e già una discreta esperienza: Rita era nata a New York nel 1918 e si chiamava Margarita Carmen Cansino, figlia di un ballerino spagnolo e di una danzatrice americana che le fecero calcare molto presto le scene. Con il padre ballò sin da giovanissima nei locali notturni messicani, ma solo nel dopoguerra Rita raggiunse il pieno successo con l’interpretazione della bomba sexy Gilda, che rimase per lei una figura ingombrante perché metteva in ombra il suo carattere pacato e schivo. La stessa Hayworth affermava spesso di non riuscire a liberarsi di lei, perché gli uomini con cui viveva relazioni spesso ricercavano la famosa femme fatale e non la donna reale (“Sposavano tutti ‘Gilda’, ma si svegliavano con me”). La qualità rara che ha reso Rita Hayworth una vera icona di bellezza e di stile, nonostante le ultime vicissitudini e le sofferenze dovute al morbo d’Alzheimer, è la combinazione preziosa di sensualità e raffinatezza: la Hayworth non era mai volgare, aveva un’eleganza innata ed era comunque associata sempre a una immagine di “donna per bene” che l’ha resa eterna e irresistibile.




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *