Web Analytics Erbe aromatiche, quali scegliere e come coltivarle - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

26 agosto 2014

Erbe aromatiche, quali scegliere e come coltivarle

Volete coltivare un piccolo orto in casa? Ecco le piante perfette da tenere in vaso: le erbe aromatiche, belle buone e profumate

Erbe aromatiche, quali scegliere e come coltivarle

The Mood Post vi suggerisce quali erbe aromatiche coltivare in casa e come farle crescere correttamente. Un ottimo modo per avere sapori autentici e genuini su tutti i cibi. Queste erbe, infatti, oltre ad essere belle e profumate, possono rivelarsi molto utili in cucina, per insaporire con gusto ogni piatto.

La regola generale per tutte le tipologie di erbe è scegliere vasi circolari di circa 12 centimetri di diametro, posizionarli in un luogo luminoso (la cucina è il posto ideale) e non troppo vicino a fonti di umidità.

Salvia
Il metodo migliore per farla crescere è coltivarla in estate in giardino e poi trasferirla in vaso e trasportarla in casa con l’arrivo del freddo. L’ideale è raccogliere le foglie nei mesi caldi e conservarle in recipienti di vetro al riparo dalla luce. Nota per le sue proprietà digestive, balsamiche e antinfiammatorie, come il basilico è un’erba perfetta per insaporire vari cibi, come per esempio pollo e verdure alla griglia.

Prezzemolo
Quest’erba aromatica va coltivata direttamente in vaso all’inizio dell’estate e poi trasferita in casa per l’inverno. Assicuratevi che il terriccio sia molto ricco. Contiene vitamine e sali minerali e l’assunzione di molta acqua ne esalta le proprietà diuretiche e depurative.

Menta
È un’erba perenne e se ne conoscono almeno 600 varietà. Vive bene in vaso, è perfetta da tenere in appartamento soprattutto d’inverno perché soffre il freddo. È necessario tagliare i rametti prima della fioritura e le sue foglie possono essere usate fresche o essiccate. È l’ideale per condire piatti freddi e donare loro un sapore fresco e un profumo eccezionale. Indicata anche per bevande e cocktail, se strofinata sui denti aiuta a combattere l’alitosi e vanta notevoli proprietà digestive.

Maggiorana
Potete piantarla in terra durante l’estate e poi trapiantarla in vaso e tenerla in casa per l’inverno. Una volta raccolte, le foglie sono da far essiccare in un luogo ventilato e ombroso. Ha proprietà sedative e tonico-stimolanti, mentre in cucina viene usata molto per aromatizzare funghi, insalate e carni in umido.

Erba cipollina
Anche questa pianta, come le altre aromatiche, va cresciuta all’aperto e poi trasferita in vaso in inverno. Le basta un po’ di luce solare per crescere bene anche al chiuso. Oltre le proprietà depurative e antisettiche, in cucina è l’ideale per dare sapore e odore che ricorda la cipolla a formaggi morbidi e piatti di pesce.

Dragoncello
Può raggiungere dimensioni un po’ più ingombranti rispetto alle altre piante aromatiche, perciò è bene spuntarla ogni tanto. Il suo profumo è delicato e ricorda quello dell’anice e del sedano. Adatto per insaporire piatti di pesce, sughi, frittate e ripieni.

Basilico
È l’erba aromatica mediterranea per eccellenza, adatta per condire sughi al pomodoro, insaporire e profumare insalate e secondi piatti, oltre ad essere la base del favoloso pesto genovese. Il periodo migliore per seminare il basilico è il mese di marzo, se invece acquistate le piante giovani, meglio metterle a dimora in primavera. In casa la temperatura ottimale per la sua crescita è di 20 gradi.




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *