Web Analytics Le caraffe filtranti per acqua, i pro e i contro - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

05 dicembre 2014

Le caraffe filtranti per acqua, i pro e i contro

Il Ministero della Salute dice no all’acqua naturale “creata” a casa

Caraffa filtrante

Le caraffe filtranti promettono di avere acqua del rubinetto senza cattivi odori e sapori sgradevoli.Un buon modo per risparmiare ed avere meno rifiuti, meno plastica, meno emissioni di CO2. Ma è davvero così?

Pare che, queste semplicissime brocche con filtro depuratore interno, non solo sarebbero una spesa inutile ma potrebbero addirittura peggiorare la qualità dell’acqua potabile poiché  vengono vendute senza controllo e sulla base di vecchie disposizioni “inadeguate per la salvaguardia della salute”. Questa è la dura relazione tecnica arrivata direttamente dal ministero della salute.

Sempre secondo il Ministero, le caraffe potrebbero solo modificare le proprietà organolettiche, dal sapore all’odore, ma  avrebbero comunque bisogno di continua manutenzione, la cui mancanza “potrebbe addirittura far sì che nel tempo, l’acqua in uscita, perda le caratteristiche di potabilità”.

Inoltre, la continua modificazione dell’acqua non tiene conto della sua composizione specifica, rimuovendo indistintamente calcio, magnesio e altri sali. Per tutte queste ragioni, la decisione da parte del  Ministro della Salute Renato Balduzzi è quella di concedere sei mesi alle aziende per adeguarsi ai nuovi requisiti di sicurezza dei materiali, previsti nel decreto sui filtri domestici per acqua che, oltre alle caraffe filtranti, riguarda anche gli impianti fissi per i lavelli di case e ristoranti e per rispettare l’obbligo della corretta informazione al cliente per permettere un acquisto necessario per l’organismo.

Consapevoli entrambi, dovranno ora rispondere a nuovi requisiti di sicurezza dei materiali ed essere accompagnati da dettagliate istruzioni d’uso. Ad apprezzare e sostenere questo intervento del ministero della salute è l’associazione dei consumatori Adoc e la Uila (Unione Italiana Lavoratori Agroalimentari) che confermano altresì i risultati delle indagini del pm Guariniello e le loro convinzioni: “le caraffe filtranti sono inutili, ingannevoli per e, in determinati casi, pericolose per la salute perché privano l’acqua filtrata dei sali minerali”, dichiarano il presidente dell’Adoc Carlo Pileri e il segretario Generale della Uila Stefano Mantegazza.




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi commenti

1 commento
  1. Daniela 1 dicembre 2014 alle 11:38

    L’unico sistema per avere un ‘acqua assolutamente sicura è avere un impianto ad osmosi inversa ( l ‘unico al mondo ) anche perchè l’acqua che scorre dai nostri rubinetti non è sempre uguale, ma nessuno ci informa. Per questo motivo occorre un impianto serio. Ho sempre grande interesse per questi temi sulla grande importanza dell’acqua, ho sempre saputo che le caraffe sono pericolose, perché si crea una carica batterica…

    Rispondi