Web Analytics Le cinque più belle canzoni degli Anni 50 - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

19 novembre 2014

Le cinque più belle canzoni degli Anni 50

Le perle dell'epoca in cui nacque il rock

canzoni anni 50

Sulla scia della moda vintage ritorna l’amore per le epoche passate e si riscoprono i tesori di un tempo: le canzoni anni ’50 riservano grandi emozioni e ancora in molti riconoscono i ritornelli o le melodie più famose. Erano gli anni in cui Gene Vincent suonava l’energica Be-Bop-A-Lula, composta probabilmente nel 1955 e che in poco tempo divenne un vero cult riproposto da molti artisti come i Beatles o Elvis Presley. Proprio quest’ultimo cantava nel 1957 un altro successo storico: Jailhouse Rock, scritto da Jerry Leiber e Mike Stoller, che secondo la rivista Rolling Stones è uno dei brani più belli di sempre.

La forza di quell’epoca si rispecchiò nella fioritura del classico rock, con perle esplosive come Rock around the clock, incisa da Bill Haley & The Comets nel 1954, vero simbolo di un’era. Fu riadattato anche in altre lingue: in Italia fu il Quartetto Cetra a cantare sopra la stessa melodia il testo rivisitato “L’orologio matto”. Tra le migliori canzoni anni ’50 va citato sicuramente il brano Johnny B. Goode di Chuck Berry, che si fece portavoce dei fermenti e delle tematiche giovanili trattate sempre con ironia attraverso i canali della musica Folk. Con le sue innovazioni approdò al rock, di cui si dice che sia stato l’indiscusso fondatore.

Ma sul finire di questo decennio anche il Jazz vide sorgere alcune pietre miliari lungo il suo percorso. Nel 1957 John Coltrane incise un capolavoro assoluto, Blue Train, adorato dagli amanti del genere e anche dagli appassionati della buona musica, che riconoscono il genio che fa vibrare le corde giuste, suscitando emozioni davvero uniche.




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *