Web Analytics Corsi da Sommelier: non è mai troppo tardi per bere bene - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

20 gennaio 2016

Corsi da Sommelier: non è mai troppo tardi per bere bene

Come e dove imparare a conoscere e approfondire il mondo del vino attraverso corsi dedicati

corsi da sommelier

Se amate il buon vino e desiderate approfondirne la conoscenza insieme ad altri che condividano con voi la medesima passione, iscrivetevi a un corso da sommelier. Potrete così trasformarvi da semplici appassionati a veri intenditori.

L’AIS – Associazione Italiana Sommelier organizza su tutto il territorio nazionale corsi di qualificazione professionale per sommelier. Attraverso un programma articolato in 3 livelli è possibile entrare nel mondo del vino, dominato da buongusto e raffinatezza.

Il 1° Livello vi permetterà di approfondire gli argomenti di viticoltura, enologia, tecnica della degustazione e del servizio, che rappresentano le basi della professionalità del Sommelier a partire dalla corretta temperatura dei vini fino all’organizzazione e alla gestione della cantina.

Il 2° Livello esplorerà il mondo del vino, portandovi alla conoscenza della produzione italiana e straniera, con particolare attenzione al legame indissolubile con il territorio. Perfeziona anche la tecnica della degustazione del vino, determinante per poterne apprezzare ogni sfumatura sensoriale e, in particolare, per esprimere un giudizio sulla sua qualità.

Il 3° Livello affronterà infine la tecnica della degustazione del cibo e, soprattutto, dell’abbinamento cibo-vino. Al termine dell’intero percorso formativo è previsto un esame di abilitazione, superato il quale si consegue il titolo di Sommelier AIS (www.aisitalia.it).

Un’altra possibilità consiste nel frequentare corsi per Sommelier FISAR (www.fisar.org). Anche questi si articolano su tre livelli: il primo analizza le funzioni del sommelier, la fisiologia dei sensi e la viticoltura; il secondo livello si concentra sull’enografia nazionale e non; infine il terzo verte sull’abbinamento cibo-vino.

 

 

 




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *