Web Analytics Mission impossible riuscita: scala il Monte Bianco in doppiopetto. - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

26 settembre 2017

Mission impossible riuscita: scala il Monte Bianco in doppiopetto.

Per dimostrare che i capi del suo marchio non hanno bisogno di essere stirati, anche in condizioni estreme.

scala-il-monte-bianco-in-doppiopettoda-carvico-la-moda-di-traiano-fotovid_b9dda2ee-a10b-11e7-92ba-fd323fa6ea2e_998_397_big_story_detail

Il giovane imprenditore bergamasco Filippo Colnaghi , 27 enne, ha fondato l’azienda di abbigliamento Traiano due anni fa e ha scelto un’impresa sportiva quanto meno curiosa per far conoscere il suo marchio.
In giacca e cravatta infatti, ma con scarponi chiodati ben spessi, qualche settimana fa ha scalato il Monte Bianco. «Anche se sono uno sportivo, innamorato della montagna, non è stata un’impresa facile. In questa avventura c’è alla base una metafora che racconta il progetto di Traiano: come un uomo può conquistare una vetta così difficile, una piccola e giovane startup può riscuotere successo a livello internazionale grazie a un prodotto che funziona, tecnico, ma anche comodo ed elegante».

Il tutto in un mondo, quello della moda, «dove è difficile competere con grossi gruppi internazionali» continua Colnaghi che prosegue nella produzione della sua linea uomo: «Siamo arrivati alla quarta stagione e lavoriamo bene sull’Italia, esportando anche negli Usa, sostenuti da Saks, e ora in Giappone, dove siamo anche da Barneys».

L’azienda, che ha base a Milano, ha raddoppiato il fatturato nel suo secondo anno: «Ancora piccoli numeri, ma con una crescita che ci soddisfa. Il progetto è quello di continuare a estenderci sul mercato internazionale». Con sempre alla base lo studio dei materiali, in primis il jersey. «La confezione è ora in Portogallo, ma l’obiettivo è tornare in Italia per tutte le fasi delle lavorazioni», conclude Filippo.




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *