Web Analytics Dolore al collo? Facciamo fatica a perdonare. Ad ogni dolore fisico corrisponde uno stato emotivo. - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

03 marzo 2017

Dolore al collo? Facciamo fatica a perdonare. Ad ogni dolore fisico corrisponde uno stato emotivo.

Dal mal di stomaco al dolore al ginocchio: ad ogni dolore fisico corrisponde un diverso stato d'animo.

download (26)

Quasi sempre i dolori fisici che avvertiamo corrispondono ad un malessere emotivo. Lo spiegano alcuni studiosi attraverso una importante ricerca pubblicata sul sito Natural Healing Magazine:, che analizza le ragioni per cui il proprio stato emotivo incide sui dolori fisici.
Questo non deve sorprendere più di tanto sia perché è da sempre risaputo fin dagli albori della medicina sia perché il corpo e la mente sono davvero un’unica entità che esprime e modella se stessa in rapporto con l’ambiente che la circonda. I dolori non sono altro che una manifestazione esterna del nostro stato emotivo: l’organismo può mostrarci il problema con esattezza, affinché sia possibile far sparire il dolore.
Per esempio il dolore al collo indica che stiamo avendo delle difficoltà a perdonare gli altri e anche noi stessi, mentre quello al ginocchio che non siamo pronti a piegarci per andare incontro alle esigenze degli altri.

Il dolore muscolare rappresenta ad esempio la difficile capacità di muoverci nella vita. Ci indica quanto siamo flessibili con le nostre esperienze nel lavoro, a casa e con noi stessi.
Il mal di testa limita il processo decisionale: le emicranie compaiono infatti quando viene presa una decisione, ma non si agisce.
Il dolore alle gengive è collegato a decisioni che non si vogliono prendere o che non tolleriamo. Il dolore alle spalle indica che ci stiamo facendo carico di una emozione, cioè la stiamo portando sulle spalle.
Il mal di stomaco si verifica quando non abbiamo digerito una situazione e quindi ci è rimasta sullo stomaco. Lo stomaco è uno degli organi più sensibili e dove si somatizza di più. Molto probabilmente è una situazione in cui siamo stati giudicati negativamente o comunque riguarda il rapporto emotivo con altre persone.




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *