Web Analytics Perché comprare armi e passaporti falsi sul web è diventato troppo facile. - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

12 luglio 2017

Perché comprare armi e passaporti falsi sul web è diventato troppo facile.

Dark web, l’Italia è tra i Paesi dove si rileva la maggiore densità di traffico.

358491_0_0

Acquistare un passaporto falso o una pistola pare sia diventato semplice  quanto comprare un libro su Amazon. Un utente ogni 5.000 persone connesse naviga sul Dark web, e l’Italia è tra i Paesi dove si rileva la maggiore densità di traffico. Tutto grazie a Tor, Tails – nati in principio per l’anonimato online -, Tails, Whonix, Onion City o Vidalia, sistemi di navigazione scaricabili da chiunque.
Dopo aver installato il software si aprono le porte dell’armeria di internet. Meno complicato è rifarsi l’identità con un passaporto o una patente falsa, acquistare droga.

L’illegalità online porta il suffisso del dominio “.onion” (cipolla in inglese), una parola che implicitamente spiega il funzionamento del web oscuro: un sistema in cui le diverse “sfoglie” della cipolla rappresentano i vari server di tutto il mondo su cui si appoggiano per pochi secondi i siti di merce illegale.
Praticamente irrintracciabili, anche perché si saltella da un luogo virtuale all’altro all’insaputa degli stessi utenti che ospitano i byte illegali. E così, navigando su Hidden Wiki o Silky Road ci si imbatte su EuroGuns, dove – dopo essersi registrati con un qualsiasi account – è possibile mettere le mani su Glock con matricole abrase, semiautomatiche e mitragliatrici.
Oppure fare un giro su Uk Passport, dove fornendo i propri dati e una foto si può comprare un passaporto a mille Pound, ma anche su siti più economici che offrono documenti di falsa cittadinanza per 800 euro.

Su EuroGuns la pistola più economica è una calibro 7,65 che costa 600 euro ed è possibile pagare in bitcoin, cambiando i soldi reali in cripto moneta. L’arma arriva in pezzi, ognuno spedito con corrieri diversi e ad una catena di persone che conosce solo il mittente precedente, per poi arrivare al compratore finale, a cui tocca solo riassemblarla.
Attualmente l’unico modo per essere scoperti è spifferare l’affare sull’onda dell’entusiasmo.

Il Dark Web è ultimamente frequentato in Italia prevalentemente di notte da 3-400mila utenti, soprattutto da giovani tra i 15 e i 24 anni. La Dark Net Italian Community è uno dei forum più attivi e più numerosi a livello mondiale. Il 90% dei domini “.onion” sono illegali ed è stato rilevato che l’80% tratta pornografia, il 20% riguarda tutto il resto.

L’anima del commercio del Dark Web sono però i forum, tra i più conosciuti ‘4Chan’ o ‘7Chan’, dove il linguaggio utilizzato è quello degli hacker, definito ‘Leet’ (anche ‘1337’) e caratterizzato dall’uso di molti caratteri non alfabetici e terminologie volgari. Dopo qualche settimana di gavetta, utilizzo dei giusti termini e l’acquisizione di una certa reputazione all’interno dei forum – che scongiura la presenza di novellini o infiltrati – gli utenti più accreditati girano su richiesta i link dei siti di prodotti illegali sempre meno conosciuti dal popolo del ‘Dark’.

Per le polizie di tutto il mondo, l’unico modo è intervenire con degli infiltrati all’interno del web, cercando di acquisire la fiducia dei criminali per incontrarli fuori dai byte. Un metodo che finora non ha portato risultati significativi.




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *