Web Analytics Shiatsu: energia delle mani - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

18 maggio 2015

Shiatsu: energia delle mani

Ecco un tipo di massaggio che favorisce il flusso dell'energia vitale. Scopriamolo insieme

Shaitsu

Lo Shiatsu è una pratica di massaggio manuale che, tramite precise modalità di pressione, agisce sul flusso energetico dell’essere umano, favorendone la circolazione nel corpo. Si basa su quattro pilastri: il respiro, la postura, la perpendicolarità e la pressione.

La pressione Shiatsu (dal giapponese “Shi”, dito, e “atsu”, pressione) si effettua con il dito e precisamente con il pollice, nel quale si trova il maggior numero di recettori sensoriali della mano e al quale corrisponde sulla corteccia cerebrale un’area maggiore. È possibile, però, usare anche altre parti del corpo per effettuare la manipolazione, come il palmo, quando la zona da trattare è più ampia, oppure il gomito. La cosa fondamentale è che la pressione venga esercitata in modo costante.

Una pressione efficace è caratterizzata da alcuni fattori: l’uso del giusto strumento di lavoro, una corretta posizione dell’operatore, una corretta individuazione dell’area su cui operare e l’attenzione alle tre fasi pressorie (ingresso, stasi, uscita). Questa staticità, unita alla lentezza di esecuzione, permette di agire non solo sul corpo fisico ma anche sulla psiche. Un’altra caratteristica della manipolazione Shiatsu é quella di essere eseguita impiegando unicamente il peso del corpo di chi opera il trattamento. È molto importante che il tutto avvenga in condizione di calma e di silenzio.

Di antiche origini, lo Shiatsu è una tecnica di riequilibrio energetico del corpo diffusa in Giappone sin dal VI secolo. Affonda le sue radici nelle forme di manipolazione e nel massaggio tradizionale cinesi, come lo am-ma, lo an-fa, il tui-na. Non esistono prove scientifiche che lo shiatsu sia in grado di curare alcuna malattia, ma chi lo pratica lo promuove come un modo per coadiuvare l’efficacia delle cure farmacologiche, aiutare il rilassamento e migliorare la risposta immunitaria dell’organismo diminuendo fattori quali stress e depressione.




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *