Web Analytics Qual è il segreto per avere fortuna nella vita? - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

09 ottobre 2015

Qual è il segreto per avere fortuna nella vita?

Niente a che fare con quadrifogli, coccinelle e ferri di cavallo...

coccinella

Vi siete chiesti perchè ci sono persone più fortunate di altre? A scuola e nel lavoro, ma anche in amore e nella vita. Sembra non ci sia una risposta. La definizione di fortuna ha sempre fatto discutere, soprattutto fra i principali scrittori della letteratura italiana.
Boccaccio, ad esempio, definiva la fortuna come una forza cieca e casuale che muove il mondo e con la quale l’uomo è costretto a misurarsi; per Machiavelli solo la virtù degli uomini può affrontare la fortuna, quando essa prende il sopravvento. Per Guicciardini il concetto è più pessimista: senza la buona fortuna i progetti dell’uomo non vanno a buon fine. Dante, infine, nella Divina Commedia, attribuisce al fato una significato religioso: la fortuna è una sorta di intelligenza celeste e provvidenziale che amministra i beni del mondo secondo misteriosi disegni ai quali nessuna ragione umana può resistere.

Noi, nel nostro piccolo, riconduciamo la fortuna ai vari quadrifogli, coccinelle, amuleti, ferri di cavallo e cose di questo genere.

In realtà il segreto esiste, ed è così da sempre: per avere fortuna nella vita devi fare del bene, incondizionatamente. Anzi, se poi il destinatario del tuo “bene” si dimostra irriconoscente, ti tornerà tantissima fortuna.
Il consiglio è quindi di distribuire il bene a raffica, a chiunque ci capiti a tiro e ne abbia bisogno. E’ testato che funziona davvero, ma provatelo subito personalmente, visto che non costa nulla!




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi commenti

1 commento
  1. Carlo 27 gennaio 2015 alle 15:37

    Fare del bene agli altri produce un senso di serenità, poiché, diversamente, chi fa del male danneggia soprattutto se stesso e si è privati di quella naturale serenità che la natura ci ha donato! Perciò…egoisticamente, continuiamo a fare del bene: godremo di un benefico ritorno di rafforzata serenità. Carlo.

    Rispondi