Web Analytics Panarea: spiagge che incantano e angoli nascosti - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

05 aprile 2015

Panarea: spiagge che incantano e angoli nascosti

La gemma del Mediterraneo, Panarea, è il luogo perfetto per chi desidera immergersi nella natura. Scopriamola insieme.

Panarea, la gemma del Mediterraneo

La più antica e una delle più piccole isole delle Eolie, l’arcipelago di origine vulcanica a nord della Sicilia, Panarea è stata definita dalla rivista W un’isola fiabesca “dove va il jet set per sfuggire al resto del jet set”.

La sua storia affonda le radici molto lontano nel tempo: sono stati trovati resti di una civiltà micenea risalente a più di mille anni prima di Cristo e fu abitata dai romani fino alla caduta dell’impero, quando le incursioni dei pirati resero impossibile la vita. Nel 2000 è stata dichiarata patrimonio dell’UNESCO, assieme alle altre isole dell’arcipelago. Il numero dei suoi abitanti è inferiore trecento, ma nei mesi estivi il numero cresce in modo esponenziale e i suoi 3,4 chilometri quadrati di superficie diventano l’epicentro della scena chic di tutto il Mediterraneo.

L’isola è la meta perfetta per chi è alla ricerca di relax e desidera allontanarsi dal traffico caotico della città: qui infatti non ci sono auto e i soli mezzi di trasporto permessi sono le golf cart, i motorini e naturalmente le proprie gambe (mettete in valigia un bel paio di scarpe con tacco a stiletto). Le signore preferiscono sandali ultra flat, perfetti per arrampicarsi sui gradini acciottolati e la sera affrontare i sentieri illuminati solo dalle torce.

Il modo migliore per esplorare l’isola è in barca: potrete così raggiungere le grotte segrete e siti dove praticare snorkeling, ammirare da vicino Basiluzzo, Spinazzola o Lisca Bianca, i faraglioni che circondano l’isola. Merita una visita Cala Junco, sulla punta meridionale dell’isola, e la spiaggia nera di Caletta Zimmari, raggiungibile attraverso una serie di stradine che calano a picco dal quartiere San Pietro. Dal Timpone del Corvo è possibile ammirare tutta l’isola, la salita attraverso le vecchie mulattiere è ben ricompensata: la vista è mozzafiato ed è possibile dominare l’intero arcipelago delle Eolie.

Acque cristalline, case bianche dalle caratteristiche porte blu cielo e sorgenti termali vi accolgono in questo angolo di paradiso dove l’aria profuma di ginestra e ulivi secolari. Raggiungerla dalla terraferma non è facilissimo ma gli aliscafi della Ustica Lines e il servizio di elitrasporto Airpanarea offrono un valido servizio.




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *