Web Analytics Blue Jasmine con un tocco di Ginger - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

30 giugno 2014

Blue Jasmine con un tocco di Ginger

Uscito nelle sale nel 2013, l'ultimo film di Woody Allen, con Cate Blanchett, Sally Hawkins e Alec Baldwin

Locandina Blue Jasmine

Dopo l’uscita non memorabile con To Rome with LoveWoody Allen è tornato a far parlare di se. La sua ultima fatica porta Cate Blanchett alla vincita dell’Oscar, come miglior attrice protagonista

Jasmine (Cate) è una donna altolocata, intelligente ed affascinante, che vive a New York. Abituata a feste, vita agiata, regali e sfarzi, è sposata con Hal (Alec Baldwin). Hal, all’apparenza perfetto, un uomo affermato e di successo agli occhi di tutti, si svelerà un truffatore e un fedifrago. La fine del matrimonio lascerà Jasmine in bancarotta con un esaurimento nervoso. Costretta a cambiare vita, decide di trasferirsi dalla sorella Ginger, anche lei vittima delle truffe di Hal e reduce da un divorzio, ma con un nuovo compagno e felice della sua vita a San Francisco.

Jasmine si dimostra una donna snob, distrutta dalle vicende che vive ormai attaccata allo Xanax affogato nel Martini. Lo scenario è quello della crisi finanziaria americana del 2008, periodo scelto non a caso da Allen. La protagonista, infatti, personifica il pensiero, non del tutto ottimista, del regista sul mondo. Un occhio critico, di sfiducia verso certe abitudini, verso uno stile di vita che si rivelerà ben presto non solo sbagliato, ma totalmente privo di utilità.

Jasmine ormai completamente al verde, sarà costretta a trovarsi un lavoro e imparare ad usare il computer. Proprio in quest’occasione, in cui da reginetta della festa passerà ad una vita di “seconda classe” (secondo la sua visione), incontrerà un uomo.
Allen riuscirà a farci provare compassione per questa donna preda di attacchi di panico, monologhi solitari, incapace di reagire al fallimento.

 




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *