Web Analytics Thailandia, salva per miracolo la tartaruga mangiasoldi: nel suo stomaco 915 monete. - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

07 marzo 2017

Thailandia, salva per miracolo la tartaruga mangiasoldi: nel suo stomaco 915 monete.

Salva per miracolo, è stata soprannominata Omsin (salvadanaio).

2302552_schermata_03_2457820_alle_12.16.10

È stata battezzata “Omsin” che in lingua thailandese vuol dire “salvadanaio”. Si tratta di una tartaruga verde di mare dal cui stomaco sono state rimosse chirurgicamente 915 monetine.
È un gesto che facciamo tutti in maniera scaramantica, soprattutto quando incontriamo fontane e pozzi. Riti che sappiamo bene non avere alcun fondamento ma che ripetiamo, ogni volta, perché forse siamo in cerca di occasioni per esprimere desideri e invocare la fortuna.
Meno fortunata, invece, la vicenda di Omsin, la femmina di 25 anni che ha ingoiato la bellezza di 5 chili di monetine. L’animale, infatti, viveva nel laghetto del centro di conservazione di Sriracha (Thailandia) dove i turisti non mancavano mai di lanciare una moneta col sorriso di chi sa di aver compiuto un bel gesto. I visitatori del laghetto, infatti, erano convinti che fosse di buon auspicio e allungasse la vita della tartaruga.

Invece, a lungo andare, la fortuna accumulata nello stomaco, ha iniziato ad inibire i già lenti movimenti di Omsin procurandole un’infezione che stava per costarle la vita. L’animale è stato operato da cinque chirurghi della Chulalongkorn University: un’incisione di dieci centimetri sul ventre per rimuovere il gruzzolo poco alla volta durante un intervento di sette ore. Le immagini della tartaruga agonizzante, lo scorso mese, hanno sollevato un polverone mediatico: Omsin è entrata nel cuore di telespettatori e internauti al punto che la rete si è unita in una colletta raccogliendo 15mila baht (428 dollari) donati per pagare il suo intervento. Omsin è salva ed avrà bisogno, dicono i chirurghi, di un mese per riprendersi completamente.




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *