Web Analytics Chiude il bar del paese? Il prete trasforma la chiesa in una birreria. - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

26 marzo 2017

Chiude il bar del paese? Il prete trasforma la chiesa in una birreria.

C'è però una regola importante: per bere al bar della chiesa bisogna prima partecipare alla messa.

church-bar

Gli abitanti di Brielen, un piccolo paesino belga di 700 abitanti, avevano una sorta di tradizione dopo la messa: andare a bere una birra assieme. Ma questo era diventato impossibile dopo che l’ultimo bar del paese ha chiuso qualche tempo fa, a causa del poco significativo giro d’affari.

Quando il bar ha chiuso, la tradizione della birra dopo la messa non poteva più continuare: le persone potevano solo rinunciare, o in alternativa prendere la macchina ed andare fino a qualche paese vicino.
Dato che la situazione stava rendendo evidentemente dispiaciuti i parrocchiani, il pastore della chiesa protestante del paese ha deciso di agire, trasformando la chiesa in un bar dopo la messa, consentendo così ai fedeli di avere la loro tradizionale birra domenicale.

Il pastore ha chiesto i permessi alle autorità locali, ed ha poi allestito un angolo della chiesa trasformandolo in bar. Lì i parrocchiani possono bere tutte le birre che vogliono, ma ci sono alcune regole. La prima, e più importante, è che per bere al bar della chiesa bisogna prima partecipare alla messa. La seconda è che tutti devono andarsene prima delle 13:00. In questo modo, tutti hanno tempo per bere con calma, ma non così tanto da bere troppo. Per ultimo, dato che comunque si tratta di un luogo di culto, non è consentita la musica o il ballo.

Non tutti hanno apprezzato il gesto del pastore: secondo qualcuno, una chiesa non dovrebbe incentivare il consumo di alcol. Ma va detto che se si guarda alla storia, birra e Chiesa sono strettamente legate, specie in Belgio: basti pensare alle birre trappiste, prodotte ancor oggi dai monaci trappisti o sotto il loro diretto controllo, ed i cui ricavi delle vendite sono usati per il sostentamento dei monaci e la beneficenza.




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *