Web Analytics Nasce il Museo dei cellulari più grande d'Europa: 3.500 modelli vintage. - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

20 marzo 2017

Nasce il Museo dei cellulari più grande d’Europa: 3.500 modelli vintage.

Fondato dallo slovacco Stefan Polgari, è visitabile solo su appuntamento.

telefoni-esposti-nel-museo-da-facebook

I cellulari hanno avuto un’evoluzione tanto incredibile quanto rapida. Molti di noi hanno ancora a casa i vecchi telefoni posseduti, ricordi che vanno a creare una curiosa collezione che ripercorrerne la storia.

La collezione del ventiseienne slovacco Stefan Polgari vanta ben 3.500 cellulari “storici”: molti modelli sono doppi e l’assortimento è composto comunque da 1.231 modelli differenti. E le dimensioni della collezione hanno spinto Stefan a creare un vero e proprio museo della storia dei cellulari.

Quando aveva quindici anni, Stefan ha iniziato a raccogliere vecchi telefoni, ma il vero salto di qualità lo ha fatto due anni fa, quando ha comprato una collezione di oltre 1.000 cellulari per poche centinaia di euro. Da lì in poi il numero di telefoni è aumentato continuamente, fino a conquistare il record ufficiale per la collezione di cellulari più grande della Slovacchia, e probabilmente anche tra le più grandi d’Europa, seconda solo alla collezione di un tedesco di nome Carsten Tews che ha conquistato il Guinness dei Primati con 1.563 modelli differenti. Ma la caratteristica della collezione dello slovacco è che include solo telefoni vintage.

Stefan ha recentemente deciso che voleva dare la possibilità anche agli altri di vedere la sua collezione, dato che offre un interessante spaccato della storia dei cellulari, che comprende modelli come i primi Alcatel o il Nokia 5110 (uno dei primi con cover intercambiabili), o il classico Nokia 3310.
Stefan ha quindi ristrutturato la cantina della sua casa di Dobsina, per creare il “Museo dei Cellulari”, che ora chiunque può visitare su appuntamento.




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *