Web Analytics Sebadas, la ricetta dal cuore della Sardegna - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

17 giugno 2014

Sebadas, la ricetta dal cuore della Sardegna

La calda Sardegna ci fa scoprire un piatto locale che unisce dolce e salato

Seadas

La sebadas è un dolce tipico della tradizione sarda diffuso su tutto il territorio regionale, prevalentemente legato alla pastorizia.
Oggi lo si trova in ogni stagione ma nei tempi passati era consuetudine prepararlo in occasione delle feste di Pasqua.
Il formaggio da utilizzare può essere vaccino, ma la ricetta originale prevede l’utilizzo di formaggio pecorino. Nel caso di utilizzo di formaggio vaccino è necessario farlo inacidire lasciandolo a temperatura ambiente.
La sebadas va consumata fresca, entro uno o al massimo due giorni, prima che la sfoglia diventi secca.

Ingredienti e dosi per 10-12 persone:

-1 Kg di formaggio pecorino (o misto) fresco
-1/2 Kg di semola fine di grano duro
-3 uova
-qualche cucchiaiata di strutto fresco
-scorza grattugiata di due arance
-olio d’oliva
-un pizzico di sale
-succo di un limone
-zucchero o miele sciolto a bagnomaria

Preparazione:

Il formaggio da utilizzare deve essere rigorosamente fresco con una stagionatura di quattro o cinque giorni. Se abbiamo l’esigenza di renderlo più morbido possiamo immergerlo circa 10 minuti in acqua bollente appena tolta dal fuoco e poi strizzarlo e lasciarlo sgocciolare.
Impastiamo la semola con le uova ed un pizzico di sale sciolto in un cucchiaio di acqua e strutto. Lavoriamo l’impasto fino ad ottenere una compattezza elastica e poi quindi lasciamo riposare.
Nel frattempo, grattugiamo il formaggio e impastiamolo con la scorza di limone già preparata. A questo punto possiamo riprendere la pasta e stenderla in modo da ottenere una sfoglia sottile. Riduciamola poi in tanti dischi con una rotella o, come facevano le nostre nonne, semplicemente con una tazza.
Mettiamo una buona quantità di farcitura e sovrapponiamo un altro disco di pasta saldando bene i bordi. Per chiuderli meglio si consiglia di usare l’albume d’uovo.
Riscaldiamo l’olio d’oliva e friggiamo per circa un minuto ricordandoci che la sebadas dev’essere delicata e dorata.
Prima di servirla possiamo cospargerla, a nostro piacimento, di zucchero o miele sciolto.

Buon appetito!

Credit: Terendo




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *