Web Analytics Motown, ecco l'etichetta che ha cambiato la storia della musica - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

10 ottobre 2014

Motown, ecco l’etichetta che ha cambiato la storia della musica

Il Motown Sound e l'orgoglio di Detroit e dell'America nera.

history_ofmotown

Fondata il 12 gennaio 1959 da Berry Gordy sotto la spinta di Smokey Robinson, la Motown Records è riuscita a cambiare l’America. Siamo nel periodo di grandi lotte per i diritti civili e il business di Gordy e Robinson è totalmente dedicato al mondo black. Un progetto che in pochi anni divenne talmente famoso da produrre artisti del calibro di The Jackson 5, Stevie Wonder, Marvin Gaye.

Il segreto del successo verrà dall’esperienza di Berry come ex operaio, come si assemblano pezzi di auto per arrivare al prodotto finale così si farà con gli artisti: fare un buon prodotto e farlo in fretta. Ovviamente non si può costruire un impero senza talento, riuscire a scoprire Stevie Wonder all’età di soli 11 anni, o disegnare la carriera di Diana Ross, non è sicuramente da tutti.

Nel corso degli anni Sessanta, la Motown ha prodotto un catalogo di canzoni senza rivali: “You’ve Really Got a Hold On Me“, “Heat Wave“, “Dancing in the Street“, “Tracks of My Tears“, “Where Did Our Love Go“, “My Guy“, “My Girl“, “Baby Love “,” Reach Out, I’ll Be there “,” Get Ready “,” Stop! In the name of love “,” The Way You The Thing you Do “. Erano semplici canzoni d’amore che raccontavano storie genuine, spesso in modo allegro e felice altre volte in maniera trista e struggente. Nasce così il Motown Sound che comprendeva i nomi di: Martha and the Vandellas, Smokey Robinson and the Miracles, The Temptations, The Four Tops, Diana Ross and the Supremes, Gladys Knight and the Pips, The Jackson 5, Stevie Wonder, Marvin Gaye.

Nel 1971, dopo un periodo difficile, verrà rilasciato il grande album di Marvin Gaye “What’s going on“. Un anno dopo, la Motown diserterà Detroit per Los Angeles, Stevie Wonder compierà 21 anni e inizierà a sfornare capolavori. Nei quattro anni seguenti usciranno infatti “Talking Book”, “Innervisions“, “Songs in the Key of Life.”

E ‘stata probabilmente l’ultima grande esplosione di creatività della Motown. Gordy, distratto da Hollywood, produrrà due film con protagonista Diana Ross, e nel 1988 metterà la parola fine vendendo la società alla MCA, che a sua volta la passerà alla Polygram, arrivando all’acquisto da parte della Universal.

Photo Credit: Motown Museum




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *