Web Analytics Lana del Rey: la cantautrice “ Young and beautiful” dal fascino vintage - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

07 luglio 2014

Lana del Rey: la cantautrice “ Young and beautiful” dal fascino vintage

Artista poliedrica dal mood anni '50 che ha rapito il grande pubblico, anche i più giovani. Scopriamo insieme la diva americana

Lana del Rey

Capelli lunghi, castano scuro o castano chiaro, dipende dalla situazione. Occhi grandi, labbra carnose e voce inconfondibile. È quasi un lamento, un suono che si diffonde piano in crescendo e che penetra lentamente. Ma Lana del Rey non è solamente questo.

Ha l’aspetto di una diva e la semplicità di una qualsiasi ragazza di 28 anni. Fascia tra i capelli, occhiali grandi e abiti a pois stile anni ’50, l’hanno trasformata in una vera e propria icona vintage. Maestra di stile e di musica, in un tempo sospeso tra ieri e oggi. Colonna sonora dell’acclamato film Il Grande Gatsby con il brano Young and beautiful, Lana incarna alla perfezione quegli anni americani. Poche note delle sue canzoni e ci si trova immersi nei saloni lussuosi del Grande Gatsby, a ballare stretti in smoking gessati o in eleganti vestiti lunghi.

Un passato difficile da cattiva ragazza che beveva troppo, poi la ripresa e la volontà di farcela a tutti i costi, studiando chitarra, cantando da piccola nel coro della chiesa, esibendosi per strada, lottando per trovare un posto nel panorama della musica internazionale che, ora, l’ha consacrata come musa vintage.

Tutto in lei racconta una riscoperta del passato e di sentimenti forti che si esprimono nelle relazioni che viviamo quotidianamente. Il suo ultimo album Ultraviolence, da poco uscito in Italia, è un racconto suggestivo di emozioni che si mescolano, si intrecciano, si uccidono per poi rinascere. Un ciclo di vita fatto di eccesso d’amore e di rabbia, in un universo che racconta il passato nell’epoca moderna.

Video clip spesso in bianco e nero, atmosfere rarefatte in un periodo che sembra lontano dalla modernità. Giubbotti di pelle alla Fonzy e abiti con cinture a vita alta  fino ai tipici microfoni in acciaio anni ’50 che i cabarettisti usavano sul palco il sabato sera. Il suo mondo è fatto di fotogrammi, diapositive prese dal passato in grado di affascinare i giovani della generazione 2.0. Una grande artista young, beautiful ed esageratamente retrò.

 

 

 




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *