Web Analytics Il castello di Neuschastein e la sua storia - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

19 giugno 2014

Il castello di Neuschastein e la sua storia

Un luogo da favola entrato nell'immaginario collettivo grazie a Walt Disney che lo riprodusse fedelmente nel film d'animazione la "Bella addormentata"

Castello di Neuschastein

Un residenza da favola immersa in un paesaggio fatto di laghi e splendide colline nel sud della Baviera. E’ il castello di Neuschwanstein, costruito per volere di Ludovico II a partire dal 1969 e progettato dallo scenografo Christian Jank. Una struttura di una bellezza così suggestiva da ispirare il celebre disegnatore Walt Disney che volle riprodurla nel film d’animazione “La bella addormentata del bosco” del 1959. Una riproduzione di quest’edificio è, inoltre, presente in tutti i parchi Disney del mondo simbolo, per eccellenza, con le sue atmosfere oniriche e fuori dal tempo, degli scenari delle favole così come siamo abituati a immaginarli leggendo le descrizioni sui libri.
Tra le meraviglie del castello la sala del trono in stile bizantino, progettata da E. Ille e J.Hoffmann in cui è possibile ammirare una serie di dipinti raffiguranti i dodici apostoli realizzati di W. Hauschild, un grande candelario a forma di corona bizantina in ottone dorato e un mosaico, di oltre due milioni di tessere, che ricopre tutto il pavimento. Le leggende legate alla gara poetica di cantori, che ebbero luogo a Wartburg nel 1207, sono, invece, il tema dei quadri situati nella sala da pranzo del castello, opera del del pittore monacense Ferdinand Piloty. Da non perdere gli intagli in legno di quercia delle sfarzose camere da letto in stile tardogotico, collocati sul baldacchino del letto, sul lavabo, sulla colonna centrale e sulla sedia da lettura. Completano il tour del castello il soggiorno reale formato da un ampio salone in cui una serie di colonnine delimitano l’accesso a un locale più piccolo, detto “angolo dei cigni” e la sala dei cantori che ospita al suo interno dipinti ispirati alla leggenda di Parsifal.




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *