Web Analytics "La fortuna di fare felici scoperte per puro caso": ecco che cos'è la "serendipity". - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

03 aprile 2017

“La fortuna di fare felici scoperte per puro caso”: ecco che cos’è la “serendipity”.

Perché quello che ci manca è solo un po' di "serendipity"...

0ed7864aaa

A parte il titolo del film ultra-romantico di qualche anno fa, serendipity è un vero e proprio vocabolo, con una sua definizione: “è la fortuna di fare felici scoperte per puro caso e di trovare una cosa imprevista mentre se ne stava cercando un’altra”.

Sembra che il primo ad usare questo termine fu lo scrittore Horace Walpole in una lettera del gennaio 1754 al suo amico Horace Mann. Walpole fu ispirato dalla lettura della fiaba persiana “Tre prìncipi di Serendippo” , in cui i tre protagonisti trovano sul loro cammino una serie di imprevisti che saranno in grado di affrontare solo attraverso la loro arguzia.

Quante volte vi siete trovati nel bel mezzo della “serendipità”? Magari durante un viaggio, svoltando per una strada che credevate sbagliata; magari proprio quella volta in cui, incolonnati nel traffico, avete deciso di lasciare la tangenziale per avventurarvi nelle strade di paese, scoprendo paesaggi che non credevate esistere; o quella volta che siete entrati per caso in una libreria, magari per ammazzare il tempo, e avete scoperto un libro che vi ha cambiato la vita.

Troppo poetico? Forse. Però, senza andare sul romantico, sappiate che sono tanti i casi nella storia in cui un esperimento, una ricerca o un’intuizione che cercava di dimostrare qualcosa, ha dimostrato invece qualcos’altro. Magari, quel qualcosa, ha persino cambiato il mondo.
Del resto non è forse vero che l’America è stata scoperta da Cristoforo Colombo mentre cercava le Indie?
E che lo champagne più famoso al mondo nacque per un errore? Nel settecento il monaco benedettino Dom Pérignon, mentre si occupava delle vigne, mise a punto un metodo di fermentazione in bottiglia, l’ormai famoso metodo champenoise. E tutto avvenne per caso, o meglio per errore: i tappi chiusi ermeticamente con cera d’api fecero scoppiare le bottiglie per l’eccessiva pressione. E fu così che Dom Pérignon legò il suo nome alla nascita delle mitiche bulles.
E sapevate che la colla dei Post-it è stata scoperta per caso cercando di realizzare un collante estremamente forte ottenendo invece un collante debole che non macchiava e che si poteva attaccare e staccare con facilità?

Insomma, possiamo trovarci tutti nel mezzo di un nostra, personale, serendipity. Basta saper osservare, ascoltare. Magari mentre facciamo una passeggiata, o aspettiamo un treno. Leggendo un libro. Una scritta sul muro.
Perchè una scoperta felice è sempre dietro l’angolo. Basta alzare lo sguardo.

firma_danilo_TheSnarky




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *