Web Analytics Piazza Navona: l'antico stadio di Roma - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

19 giugno 2014

Piazza Navona: l’antico stadio di Roma

Anticamente sede di gare di atletica oggi piazza Navona è, con i suoi artisti di strada e i suoi ristoranti tipici, uno delle tappe obbligate per chi decide di visitare Roma

Piazza Navona

Con i suoi artisti di strada che ritraggono i turisti, i negozietti caratteristici e i ristorantini tipici, è uno dei luoghi più celebri e caratteristici di Roma. Si tratta di piazza Navona che, in epoca romana, era lo Stadio di Domiziano, luogo utilizzato per ospitare le gare degli atleti. Lunga 276 metri, larga 106, la struttura, che poteva ospitare al suo interno ben 30.000 persone, veniva solitamente allagata nel mese di agosto per ovviare ai disagi causati dal caldo. Questa usanza ha fatto sì che nel tempo si diffondesse la falsa notizia secondo cui il luogo fosse stato in passato la sede di vere e proprie battaglie navali.

Tanti sono gli elementi architettonici, realizzati da artisti del calibro di Lorenzo Bernini, Francesco Borromini, Girolamo Rainaldi e Pietro da Cortona, che rendono la piazza una delle mete più visitate dai turisti di tutto il mondo.Famosissima la Fontana dei Quattro Fiumi, collocata al centro del piazzale, con le splendide statue in marmo del Bernini che rappresentano le allegorie dei quattro fiumi della terra: Nilo, Gange, Danubio e Rio della Plata. Da non perdere anche la chiesa di Sant’Agnese in Agone, alla cui realizzazione prese parte Borromini, la Fontana del Moro di Giacomo Della Porta e Bernini, e la Fontana del Nettuno, opera di Gregorio Zappalà e Antonio Della Bitta. Secondo una leggenda il Bernini, a causa della sua rivalità del Borromini, avrebbe scolpito la personificazione del fiume Nilo con una benda in testa sfuggire la vista della chiesa di Sant’Agnese e quella del Rio della Plata con una mano in avanti per ripararsi in caso di crollo della srtuttura. La falsità di questa storia è resa, però, palese dalla data di realizzazione della fontana, antecedente rispetto a quella della chiesa. La piazza è poi famosa per il mercatino organizzato ogni anno in occasione dell’Epifania, periodo durante il quale è possibile acquistare nelle numerose bancarelle ogni tipo di leccornia con cui riempire le calze della Befana da regalare ai più piccoli.




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *