Web Analytics La cucina di Igles Corelli e il primato delle materie prime - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

07 ottobre 2014

La cucina di Igles Corelli e il primato delle materie prime

La passione e il sapere di uno dei più grandi chef in Italia.

Igles Corelli

Igles Corelli è uno chef stellato nato in provincia di Ferrara che negli anni ha fatto la storia moderna della cucina Italiana. La sua lunga carriera in cucina ha inizio nel 1976: dopo aver cucinato sulle navi da crociera diventa chef del ristorante Trigabolo di Argenta che, grazie alla sua esperienza, diventerà negli anni uno dei migliori in Italia. Il Trigabolo è stato uno dei primi, se non il primo, ristorante nel nostro Paese a rompere i vecchi schemi classici proponendo quella che oggi è nota come “Cucina del Territorio“: per la prima volta i migliori ingredienti tradizionali e locali venivano utilizzati per creare nuovi piatti, lasciando libero sfogo alla creatività del personale di cucina.

Durante gli anni di Argenta, Corelli crea il Sapere e Sapori (Conoscenza e Gusto), un’associazione culturale che organizza l’evento annuale omonimo dedicato a promuovere cibi e vini di qualità. Decide inoltre di trasmettere tutto il suo sapere diventando il coordinatore del Master “Professione cuoco” del Gambero Rosso e pubblicando svariati libri di ricette.

Ad oggi Igles è chef e patron del ristorante Atman a Pescia (PT) che lo vede impegnato nella cucina “Garibaldina” –  il termine è stato coniato dall’utilizzo costante dei migliori prodotti provenienti da tutto il Paese. La filosofia di Igles è inoltre quella di cercare ingredienti provenienti dai presidi Slow Food, i prodotti ittici invece saranno sempre di mare aperto e le carni provenienti solo da animali certificati e allevamenti biologici.

Igles insieme alla sua estrema bravura e alla sua simpatia, entra nelle case degli Italiani con il programma, in onda sul canale del Gambero Rosso, “Il gusto di Igles“, dove crea piatti ricercati, ma alla portata di tutti. La cucina da lui chiamata “Circolare” mostra come utilizzare tutte le parti di un ingrediente senza sprechi. L’intento è quello di trasmettere la ricerca e l’utilizzo di materie prime di grandi qualità utilizzandole per più piatti. Troveremo quindi la famosa maionese con le teste di gamberi, o le bucce delle verdure essiccate per creare sali aromatizzati e l’estrema attenzione alle diverse temperature per la cotture dei cibi.

 Foto Credits: Gamberorosso.it




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *