Web Analytics Agriturismo Badiula: pura Sicilia - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

19 giugno 2014

Agriturismo Badiula: pura Sicilia

A metà strada tra Catania e Siracusa, a due passi dall'Etna e da Taormina, un'esperienza indimenticabile per grandi e piccini

La piscina dell'Agriturismo Badiula

Non un semplice agriturismo, ma una vera e propria oasi di benessere.

A metà strada tra Catania e Siracusa, l’Agriturismo Badiula sorge in una posizione strategica per raggiungere i luoghi più belli e gettonati della Sicilia Orientale: è infatti a due passi dall’Etna, da Taormina e dalla suggestiva Noto. Degustare i piatti del ristorante del posto non significa semplicemente mangiare cibi sani e buoni, ma fare un viaggio alla scoperta della tradizione della cultura gastronomica siciliana.

I piatti infatti sono preparati con gli ingredienti naturali prodotti in loco: Badiula è un’azienda agricola specializzata nella produzione di ortaggi e frutta, in particolare arance rosse Tarocco e Moro, pesche e olio di oliva. Qui è possibile anche fare dei corsi di cucina tipica siciliana e molte altre attività: corsi di giardinaggio, nuoto, trekking, mountain bike, ping pong, equitazione.

I bambini si divertiranno soprattutto nel parco giochi o nella fattoria, dove potranno accudire gli animali e dar loro da mangiare o imparare a cavalcare ma anche improvvisarsi piccoli contadini, seminando, innaffiando e raccogliendo i frutti del loro lavoro. Gli adulti, invece, potranno approfittare dell’esclusivo centro benessere dell’agriturismo adatto ad ogni esigenza: bagno turco, sauna romana, percorso termale, trattamento con i fanghi, massaggi professionali e molto altro ancora.

A poca distanza, poi, due dei parchi siciliani più famosi: quello dell’Etna e quello Fluviale dell’Alcantara. Il primo è un vero e proprio giardino botanico ai piedi del vulcano attivo più grande d’Europa, caratterizzato da un paesaggio segnato dalle continue eruzioni. Il secondo, un parco nato dall’incontro tra l’acqua del fiume Alcantara e la lava dell’Etna che nel corso del tempo hanno modellato il territorio dando vita a suggestive grotte, gole e blocchi di pietra levigata.




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *